Anime Antiche

Anime Antiche
nuovo romanzo ordinabile sul sito Edizioni Convalle e su Amazon

martedì 14 luglio 2020

Numero 343 - Per la Rubrica "Parlo di me": Floriana Naso - 14 Luglio 2020




Mi chiamo Floriana, sono nata un pomeriggio di dicembre di 43 anni fa. Sono moglie e mamma di due bambini.
Sono estroversa, dinamica. Amo il mare e stare all’aria aperta. Mi piace fare lunghe passeggiate meditabonde. I pensieri vagano in continuazione e reclamano pace. Adoro anche il teatro, la musica, il cinema, lo sport e naturalmente la lettura! Leggo tantissimo e di qualunque argomento. Credo sia nata così la mia passione per la scrittura.
Il primo paragrafo, di quello che poi sarebbe diventato il mio romanzo d’esordio, lo scrissi un pomeriggio di febbraio del 2016. Nacque tutto da un’ispirazione improvvisa.
Ecco, l’ispirazione è fondamentale per me, non posso scrivere se non sono motivata. Ciò che scrivo deve emozionarmi e divertirmi, altrimenti mi blocco. Cerco la storia giusta da raccontare, quindi aspetto che giunga, magari da una mia esperienza di vita o da quella di altri, o da fatti di cronaca o magari da un sogno… L’importante è che mi convinca pienamente.
Il mio percorso letterario nasce con 700 Giorni, la mia prima pubblicazione, poi prosegue con svariati racconti e altri due romanzi. L’ultimo si intitola Chiudo gli occhi, pubblicato da  Edizioni Convalle.


Scrivo di tutto, perché sono esploratrice per natura, ma mi piace molto il thriller, anche se non è un genere facile da scrivere. Lo amo perché io stessa sono labirintica, e il thriller mi fornisce tutti gli spunti per dare sfogo al mio ingegno.
Mi stufo generalmente di tutto in poco tempo, quindi ho bisogno di stimoli. Mi affascinano nuove culture, nuovi sapori, nuove avventure! Sono attirata da tutto ciò che non conosco, l’ignoto è fonte di conoscenza e quindi anche di scrittura.
Le sfide mi accendono: da qui nasce la mia passione per i contest, ai quali spesso partecipo e da cui ho avuto molte soddisfazioni.
La scrittura è stata per me anche autoanalisi, è uno strumento per ritrovarsi e le sarò sempre riconoscente per avermi traghettata fuori da un periodo complicato della mia vita.
Non amo fare progetti a lungo termine, preferisco lasciarmi cullare dall’imprevedibilità.
Cosa scriverò domani non lo so… Ora so solo che vi ringrazio per avermi letta. Un grande abbraccio, stay tuned!

Floriana Naso


E ora la parola all'editrice...

Conobbi Floriana in un'occasione molto carina, la presentazione a Rivoli di un'opera di un mio caro autore dove lei arrivò coi suoi bambini, trattandosi di un evento rivolti ai piccoli. Fu l'inizio del nostro conversare in ambito letterario.


Successivamente partecipò al premio letterario "Dentro l'amore", arrivando in finale, e lì ci rivedemmo ancora.


Nel frattempo lessi la sua opera prima "700 giorni" dove potei constatare di come la sua penna fosse interessante.

Dopo tanta acqua passata sotto ai ponti, come si suol dire, un giorno Floriana mi ha proposto il romanzo "Chiudo gli occhi". Com'è andata a finire lo potete intuire, visto che l'ho pubblicato! :-D
Un romanzo che ho definito dai tratti hitchcockiani. Come le spiegai, e dissi anche a voi, lettori che seguite le mie dirette fb, alcune atmosfere del libro mi avevano prepotentemente riportato alla mente quelle dei film del grande regista; come non ricordare la famosa scena di Notorius, la tensione mentre Cary Grant scende dalla scalinata con in braccio una Ingrid Bergman sofferente? Ecco, stessa sensazione. Si legge e si teme per l'incolumità della protagonista, fino alla fine.
Ho apprezzato molto, e lei lo sa, la parte del thriller vero e proprio, creato ad arte, non trascurando l'aspetto psicologico dei personaggi.
Insomma, una penna promettente che ha sicuramente tanta voglia di esprimersi e sperimentare, come ha scritto nella sua presentazione.


Alla prossima
dalla vostra
Stefania Convalle

lunedì 13 luglio 2020

Numero 342 - La storia di Ariel - 13 Luglio 2020


Mi chiamo Ariel, beh, potevo avere un nome diverso? Pare che Ariel sia il nome di un Arcangelo e che significhi Leonessa di Dio
La mia vita non è iniziata proprio bene, diciamolo... Mi hanno abbandonata malamente lungo una strada di campagna, camminavo a stento e ho appena fatto in tempo ad attraversare la strada prima di  cadere a terra. Per fortuna una ragazza mi aveva visto dal balcone di casa sua ed è scesa subito per soccorrermi. Non ricordo molto di quei momenti, ero più di là che di qua, ho sentito la sua mano che cercava di sollevarmi la testa, ma non riuscivo davvero a reagire: mi stavo lasciando andare. Quella donna che indossava una camicetta con i cuoricini - era un segno? - ha chiamato subito coloro che sarebbero diventati i miei Angeli Custodi: Yuana e Gianluca.
Mi hanno portata immediatamente dal dottore e si sono presi cura di me.


Ricordo le loro carezze, instancabili nel darmi coraggio e amore, quelle gocce di miele per farmi mangiare e aiutarmi a ritrovare le forze. A volte capivo la loro preoccupazione, avevano paura che non sarei sopravvissuta. Ma ero o no una Leonessa?! E quindi ho tenuto duro, non potevi mica deluderli!
Piano piano, un giorno alla volta, ho cominciato a reggermi in piedi, a giocare con loro che mi riempivano di coccole.




Insomma, cominciavo a crederci anch'io! E, come si dice, a sistemarmi nella casa nuova.


Prima su un bel cuscino e poi in una bella cesta accogliente.


Non sapevo come esprimere la mia gratitudine, se non con una montagna di leccatine, mi vengono bene!


Poi sono cominciate le prime perlustrazioni all'aperto, che felicità! Avevo un po' paura, ma con loro al mio fianco tutto sembrava così facile... E poi c'erano un sacco di amici in casa con me.



Insomma, ero felice! Col mio Angelo Custode Gianluca, poi, facevo colazione con delle buonissime fette biscottate! Mi prendeva in braccio, metteva una tovaglietta sul tavolo che però non dovevo mordicchiare e mi dava una fetta grandissima da sgranocchiare.
E così, giorno dopo giorno, sono diventata forte e grande, il dottore mi aveva fatto tutte le vaccinazioni e non so cos'altro, boh, insomma, sono una cagnolina, mica posso sapere tutto! 
Ero pronta per lasciare il nido e raggiungere la famiglia che i miei Angeli avevano scelto per me. 
Mi aspettava un lungo viaggio. Ma io ero tranquilla, anche se un po' spaventata sì, dai, lo ammetto.


Gianluca mi ha fatto la valigina, comprese le fette biscottate.


Poi siamo partiti per raggiungere il traghetto che mi avrebbe fatto attraversare il mare, c'era il mio papà umano ad aspettarmi con una lunga lista scritta a mano dalla mia mamma umana: un sacco di raccomandazioni per non traumatizzarmi e farmi arrivare da lei sana e salva. Mi voleva già bene!
Prima, però, siamo andati a salutare un vecchio amico, Chop, che aveva trovato casa prima di me, ma che mi aveva fatto compagnia nei giorni più difficili.


Yuana aveva gli occhi umidi, quando era arrivata l'ora di salutarmi, ma era contenta  e fiera perché se ero arrivata a quel punto era stato grazie a loro, al loro amore. Erano felici per me.


E così sono partita.


Il viaggio è stato lungo, ma quando sono arrivata nella nuova casa ho capito subito che sarei stata bene, Love is in the air, come si dice. 
Ho preso subito possesso del divano e ho conosciuto Cupido - un altro segno? - il mio nuovo amico. Una ronfatina insieme ha suggellato la nostra amicizia.


Sono anche andata a scuola e il primo giorno già mi facevano un sacco di complimenti!


E poi... non ve l'ho ancora detto, ma ad aspettarmi c'era anche una cucciola umana e ho capito che dovevo proprio arrivare da lei: era il mio Destino.


Ora ho sei mesi, almeno credo... Sono ancora piccola, ma una cosa l'ho già capita: mai disperare. Ero quasi morta, ma sono stata salvata, curata e ora ho tutta la vita da vivere con la mia famiglia che mi ama e che amo!


Ma non mi dimentico di loro, di Gianluca e Yuana. E quando guardo il mare, li penso.
Loro non lo sanno, ma anch'io sono un Angelo e li proteggerò per sempre, anche da lontano.




Una bella storia
Una storia vera
La storia di Ariel

Alla prossima
dalla vostra 
Stefania Convalle




domenica 12 luglio 2020

Numero 341 - Per la Rubrica "Parlo di me": Anna Maria Castoldi, Miriam Donati, Giuseppe Milanesi - 12 Luglio 2020


I TRE MOSCHETTIERI ;-)

Conosciamoli uno alla volta.

Anna Maria Castoldi

Premetto che non amo parlare di me, e per di più sono convinta che il modo migliore per conoscere un autore sia leggere quello che scrive, anzi credo che conoscerlo addirittura di persona possa essere controproducente: toglie quella patina di mistero e a volte delude. Ne ho fatto esperienza diretta con alcuni famosi. Insomma si può amare uno scrittore e detestarne la persona, quindi, ora che siete avvisati, non aspettatevi granché dalle prossime righe.
Ho lasciato il mio paesello natio in Brianza per studio e da allora ho sempre vissuto in città diventando una ragazza di periferia. Ciò nonostante porto dentro di me indelebile l’impronta paesana, nel bene e nel male, e in tutte le mie storie riemerge. Questo è uno degli elementi che ho in comune con Miriam Donati con la quale condivido la maternità di Delitti nell’orto e Fughe e ritorni, entrambi Gialli con protagonista la sciura Marpol, ambientati in un borgo inventato ma reale perché legato alla nostra esperienza. Di proposito parlo di maternità in quanto la scrittura è un atto creativo che dà vita a personaggi veri nella finzione letteraria.
Sono approdata alla scrittura per curiosità. Dopo decenni da lettrice onnivora e vorace, ho scoperto la scrittura condivisa e ne ho subito il fascino. La sorpresa di leggere come un coautore faccia agire un personaggio, in un modo  cui non avrei mai pensato ma congruo con la storia, è sorprendente e per me fonte primaria di motivazione a continuare. Nonostante abbia scritto da sola racconti vincitori in vari concorsi, preferisco lavorare con altri autori. La risposta ufficiale alla domanda inespressa è perché è stimolante, ma  una vocina fastidiosa insiste a dire, perché sei tanto pigra come autrice quanto attiva come persona, sempre alle prese con interessi vecchi e nuovi, meglio se nuovi, tutti fonti di distrazione. Davanti a due strade, una diritta e l’altra tortuosa, ovviamente scegli la seconda.
Va be’, è la mia natura, sono del segno dei Gemelli!
Come scrittrice sono maturata tardi, dopo la pensione, forse perché prima, mentre lavoravo in Sanità Pubblica, ero troppo impegnata a vivere intensamente con le persone le loro storie, le emozioni belle e brutte. È stato l’incontro con Miriam Donati e Giuseppe Milanesi che mi ha fatto scattare la voglia di scrivere con loro e non li ringrazierò mai abbastanza per aver accettato la mia proposta da cui è nato La svolta, romanzo finalista nel concorso Dentro l’amore 2019,  pubblicato da Edizioni Convalle. Questo romanzo mi è caro in quanto primigenio e formatore. Infatti è stata un’ottima seppure difficile palestra per il nostro trio.
In questa avventura legata alla scrittura, ho scoperto che un valore aggiunto della pubblicazione è il contatto con le persone, una parte fondamentale e gratificante nel mio lavoro precedente, che ho ritrovato nelle presentazioni dei libri. Sono grata ai lettori per i loro commenti, per la condivisione di riflessioni, per l’essere accomunati dal piacere dalla lettura; sono fonte continua di ricchezza e mi fanno scoprire tra le righe della storia, parti di me stessa che, consciamente, non avevo notato. In questi mesi di isolamento per la pandemia ho sentito la loro mancanza e sono impaziente di riprendere le presentazioni sia de La svolta sia della riedizione di Delitti nell’orto - Le prime indagini della sciura Marpol,  edita da Edizioni Convalle, arricchita di una nuova parte e dalla bella prefazione di Giuseppe Milanesi.
Non mi resta che salutare citando uno scrittore migliore di me: Giulio Giorello. “Se non potete avere tutto inseguite il meglio”.

Nella foto, Anna Maria Castoldi

E ora conosciamo meglio
Miriam Donati

Buongiorno a tutti,

Sono nata a Milano e vivo a nord della città, a Garbagnate Milanese.
Fin da piccola la cosa che mi attraeva di più erano i libri, una seduzione ininterrotta, ma non ho mai pensato di scrivere.
Ho studiato lingue e ho svolto l’attività lavorativa di area manager in aziende private commerciali, spesso all’estero, soprattutto Russia e Cina.
Una volta raggiunta la pensione ho deciso di scrivere la storia della mia famiglia perché non andasse perduta la memoria di quanto accaduto a nonni e genitori e per lasciarne traccia alle nipoti.
Mai avrei pensato che da quel momento in poi la scrittura sarebbe diventata una passione così importante da cambiarmi la vita, anzi facendomene iniziare un’altra. Tutti i programmi di intensificare i miei interessi compressi dal lavoro e i miei hobby si sono in parte volatilizzati anche se non ho mai rinunciato all’acqua. Se credessi nella reincarnazione direi di essere stata nella vita precedente una creatura acquatica. L’acqua mi rilassa, mi rigenera, mi fortifica, mi fa riflettere e volare, non è un ossimoro, i delfini volano. E sempre nell’acqua trovo le svolte per i colpi di scena o i conflitti per le mie storie.
La memoria è uno dei leitmotiv che mi accompagnano nella scrittura, un mondo irto di difficoltà, eppure meraviglioso, perché un racconto, un paragrafo, una frase o anche un solo vocabolo fanno scoprire qualcosa di sé che non si sapeva nemmeno di possedere e, nello stesso tempo, aprono al mondo e allo scambio con gli altri. Questa sensazione è ancora più accentuata dal riscontro immediato con la scrittura a quattro o a sei mani, come successo ne La svolta, il romanzo che, arrivato in finale al concorso Dentro l’amore, è stato pubblicato da Edizioni Convalle.
Il coautore è lo specchio in cui ti rifletti, con cui ti confronti e, a volte, ti scontri, una terapia psicanalitica. Infatti, con i miei amici coautori, due dei tre moschettieri (come ci chiama affettuosamente Stefania) Anna Maria, acuta e tagliente, e Giuseppe, generoso e accogliente, ci ripetiamo spesso che la condivisione e complementarietà nella scrittura comune funzionano da autoterapia e catarsi collettiva perché, privilegiando i meccanismi di intreccio e contenuto, ridimensionano il nostro ego.
Anche l’aspettare i tempi degli altri e rispettarli, aiuta a trovare nella lettura di quanto scritto quell’imprevisto impensabile, quella deriva inaspettata; per dirla come il titolo del libro, quella svolta che si pone come una sfida a sperimentare cercando nuovi percorsi e nuovi obbiettivi.     
Generalmente tendo a scrivere di luoghi e situazioni che conosco meglio, ma proprio per la voglia di sfide di cui dicevo poc’anzi, non mi dispiacciono puntate in territori inusuali e non mi riferisco solo ai luoghi, ma a mondi possibili e a percorsi mentali opposti ai miei.
Con Anna abbiamo scritto due romanzi gialli: Delitti nell’orto e Fughe e ritorni con una protagonista sui generis: un’ottantenne che stravolge lo stereotipo della nonnina tutta torte e uncinetto, anche se non disdegna di lavorare anche a maglia e cucinare. Anche questa è stata una sfida, volevamo riaffermare la vitalità, l’arguzia e non solo la saggezza delle donne anziane.
L’incontro fortunato con Stefania ci ha permesso di ripubblicare il primo con una indagine supplementare e una prefazione ad hoc fatta da Giuseppe Milanesi. Scoprire che il libro le è piaciuto così tanto da affezionarsi alla sciura Marpol non ci ha fatto solo piacere, è stato un vero e proprio premio.
Il bello della scrittura è che porta a leggere ancora di più e a confrontarsi con gli altri autori e con i lettori. E i lettori, quelli che assistono alle presentazioni dei libri, sono proprio l’altra affascinante scoperta avvenuta dopo la pubblicazione delle opere.
A parte le domande di rito o quelle legate alla curiosità per la scrittura a più mani, la gratificazione più grande è la conferma di chi ha già letto il libro e si è riconosciuto in una sensazione, in una descrizione, in un comportamento o in un personaggio in esso narrato. Che dire poi di chi si raccomanda: «Se nel prossimo romanzo mi fate morire la sciura Marpol vi tolgo il saluto!»
Verrebbe voglia di abbracciarli e baciarli tutti.


Nella foto Miriam Donati

E infine, conosciamo meglio 
Giuseppe Milanesi

Ciao a tutti,
sono nato in campagna, in una nebbiosa notte di novembre in provincia di Cremona e vivo dall’età di sei anni nell’hinterland milanese.
Diplomato perito agrario, (le radici prima o poi le ritrovi), ho frequentato anche la facoltà di Agraria dell’Università degli Studi di Milano senza terminarla, per affrontare il mondo del lavoro dove ho svolto il ruolo di responsabile di produzione, dapprima in aziende del settore florovivaistico, nell’industria chimica per oltre vent’anni e in quella alimentare a fine carriera.
Ho sempre considerato di primaria importanza la letteratura e l’arte e di quest’ultima mi interesso, in particolare, di musica e di pittura. Ho cominciato tardi (ai tempi delle superiori) a leggere gli autori del Neorealismo, per passare poi ai grandi giallisti e ai romanzieri in genere. La natura, il rugby e la buona tavola sono tra le mie passioni principali.
Ho scritto la mia prima opera nel 2006, e quello che era iniziato come uno scherzo alla fine si è concretizzato in un romanzo: La tela del ragno, edito da Ennepilibri. Da allora l’entusiasmo è stato tale che ho continuato a scrivere semplicemente per il piacere di farlo; in prevalenza storie di genere noir e thriller che si sono tradotte in raccolte di racconti edite, ma non disdegno raccontare storie di vita che creano spunti per la riflessione. Alcuni di questi lavori sono stati pubblicati con lo pseudonimo di Emil Ganesi.
Avevo già un’esperienza passata di scrittura condivisa in quanto proprio il mio primo romanzo è stato scritto a quattro mani assieme a mio fratello Erminio, ma con La svolta mi sono lanciato nell’avventura di scrivere con altre due autrici. Ho conosciuto Anna Maria Castoldi e Miriam Donati a un corso di scrittura e devo dire che da subito tra noi c’è stato feeling, se non altro per la voglia di mettersi in gioco, per la volontà di riuscire a scrivere qualcosa di interessante senza pensare per forza di volerla pubblicare. Ci siamo riusciti e il risultato finale è stato così entusiasmante da desiderare invece di proporlo proprio per la pubblicazione; l’abbiamo pertanto iscritto al Premio Letterario Dentro l’amore 2019 di Edizioni Convalle, arrivando tra i tre finalisti. Il romanzo è piaciuto molto a Stefania Convalle, che lo ha dato alle stampe nell’ottobre dello stesso anno.
Lavorare a uno scritto, per di più un romanzo, con altre due persone, non è solo molto difficile, direi che è quasi impossibile perché ognuno ha il proprio stile, il proprio modo di vedere le cose e il proprio carattere. Si rischia la lite. Bisogna obbligatoriamente entrare nell’ordine di idee che gli altri sono bravi almeno quanto te, o anche più bravi, e quindi hanno sempre qualcosa da insegnarti. All’inizio è stata dura, soprattutto per me che avevo una punta di presunzione per aver già pubblicato, ma più passava il tempo più mi rendevo conto che le critiche, i tagli e le correzioni di Miriam e Anna miglioravano la storia, la sua struttura, la grammatica. Sono sicuro che anche loro la pensino allo stesso modo. Il risultato che abbiamo ottenuto con molta fatica è frutto, oltre che di ricerche su luoghi e attività, di un grande lavoro di continua revisione, il che ci ha permesso di ottenere un romanzo di buona qualità che ci è stato sottolineato da più parti.
Ritengo che la più grande soddisfazione per chi scrive sia il riscontro dei lettori: al di là delle copie vendute (indice peraltro importante), non c’è cosa più appagante che sentirsi dire con sincerità che il proprio libro è stato apprezzato. È vero, spesso scriviamo per il nostro piacere ma, in verità, è solo la soddisfazione dei lettori che ci rende estremamente felici. 

Nella foto Giuseppe Milanesi 

E adesso tocca a me!
La parola all'editrice

I tre Moschettieri, così mi piace chiamarli per la grande complicità e solidarietà che c'è tra loro: si vede al primo sguardo.

Ho conosciuto prima Anna Maria e Miriam alla festa di compleanno della libreria Ghirigoro e ricordo che è scattata subito la simpatia. Così le ho invitate a partecipare al premio Dentro l'amore col loro inedito, scritto insieme a Giuseppe Milanesi, La svolta
Li ricordo sul palco, finalisti, ad attendere il verdetto: che emozione!


La suspance sul palco...


Non sono arrivati primi, ma il romanzo era talmente bello che è stato ugualmente pubblicato.


Un romanzo che ha iniziato il suo cammino con successo e chissà quante altre belle sorprese ci riserva!
Tra l'altro, ci tengo a sottolineare che gli autori hanno deciso di devolvere i diritti d'autore a scopo benefico, quindi acquistare il romanzo produce due effetti: quello di regalarsi una bella opera, scritta bene e tanto tanto tanto coinvolgente, e di aiutare i più deboli.

Ma mica finisce qui, la storia!

Le due moschettiere Anna Maria e Miriam mi hanno proposto di pubblicare in una nuova edizione Delitti nell'orto e così ho letto questo giallo tutto particolare, facendo anche la conoscenza della loro sciura Marpol. Devo dire che leggendo l'opera ho pensato che sono delle peperine come lei, per questo il personaggio  è venuto loro così bene e credibile!


E lui, il terzo moschettiere? Intanto dormicchiava? Eh no! Giuseppe Milanesi ha curato una raccolta di racconti tra fiaba e sogno, con la collaborazione di alcuni autori di Edizioni Convalle. Presto vedrà la luce anche questo progetto.

Mi aspetto grandi cose dai miei Moschettieri, perché sono un insieme di penne di alta qualità e poi con i loro caratterini frizzanti potranno andare solo lontano, verso grandi risultati.



Alla prossima 
dalla vostra
Stefania Convalle



giovedì 2 luglio 2020

Numero 340 - Per la Rubrica "Parlo di me": Edizioni Convalle - 2 Luglio 2020


Tutta colpa dell'Amarone se sono nata nella testa di Stefania Convalle che, devo dire, già da piccola sapeva il fatto suo ;-)


Calma, non pensate male, non beveva il vino in tenera età, ma da grande le piaceva - e le piace ancora - gustare un bel bicchiere di vino rosso insieme a Giuseppe Murru che la segue in tutte le sue disavventure, come l'idea di aprire una casa editrice.
E così il giorno 2 febbraio 2017 sono nata ufficialmente.
Mi hanno pure fatto la festa!


E la notizia non era passata inosservata sui giornali :-O 
Sia su Il Giorno, sia su Millionaire, avevano parlato di me: Edizioni Convalle.




Il primo anno è stato di rodaggio, per cominciare a muovere i primi passi. Ogni volta che usciva una nuova creatura, era tutto un festeggiare! Fino ad arrivare al primo compleanno. E anche qui, grande festa con un sacco di Autori e Lettori: mi volevano già bene!


E poi hanno cominciato a portarmi in giro!
La prima uscita importante è stata al Salone internazionale del Libro, a Torino, nel 2018.
Siamo arrivati con gli scatoloni pieni di libri, che fatica! Ma che emozione...


E che soddisfazione, alla fine, con lo stand pronto per affrontare la grande maratona!


E poi c'è stata Brescia, e poi Roma, e poi decine di presentazioni, articoli, eventi in tutta Italia. Eh sì, perché Stefania non dorme mai e sforna idee alla velocità della luce :-D e allora via di Christmas Book, Libri e Tarocchi, Juke Box Letterari, Indovina quanti ceci ci sono nella bottiglia :-O, Poetango, Poetry Slam, Premio Letterario,  Pillole di Libri, radio, televisione... Insomma, lei dorme così:


E intanto scrive (non so come fa) ma questo è un altro discorso.

Ogni tanto si lamenta: «Questa casa è un casino da quando c'è Edizioni Convalle!»
Come darle torto. Prima era tutto in ordine...


Ora è tutto pieno di me...


Ma mi vuole bene, lo so ;-) Anche se ogni tanto minaccia di chiudermi quando si arrabbia per qualche sgambetto inaspettato o quando è stanca, oppure quando subisce l'invidia di qualcuno che si traduce in colpi bassi... Però poi le passa;-) e so che non lo farebbe mai, e quando le vengono questi pensieri, pensa agli autori che le sono affezionati e allora tiene duro, anche per loro.

Oggi, 2 luglio, compio 3 anni e cinque mesi. Mi sa che stasera si festeggia ;-) e mi sa che se ci scappa il bicchiere di vino, partono nuove idee e chissà dove mi vorrà portare! 

Lontano... So che vuole portarmi lontano, in cima alla vetta dei sogni perché...


Alla prossima
dalla vostra 
Stefania Convalle






















venerdì 19 giugno 2020

Numero 339 - Per la Rubrica "Parlo di me": Elisabetta Motta - 19 Giugno 2020



Sono calabrese e ho lasciato la mia città, Catanzaro, quando avevo 18 anni, per frequentare l’università a Roma. 
Le circostanze della vita mi hanno portato successivamente a Pavia, città che mi ha accolta a braccia aperte e dove ho vissuto per diversi anni. 
Oggi vivo a Roma, ma un giorno spero di tornare definitivamente nella mia Calabria. È lì che sento di appartenere. 
Il mio sogno, sin dai banchi del liceo, era quello di fare la traduttrice editoriale e ho avuto la fortuna di realizzarlo, grazie anche alla mia determinazione, forza di volontà e passione. Traduco romanzi rosa, ma ho affrontato anche opere di genere completamente diverso che mi hanno regalato grandi soddisfazioni. 
La scrittura invece è un qualcosa che è arrivato molto più tardi. A dirla con estrema sincerità, non sono nata con la penna in mano. Ma professionalmente forse sì, visto che tradurre è un po’ come un riscrivere. Ho pubblicato il mio primo romanzo sei anni fa, quasi per caso. In quel periodo avevo iniziato a buttare giù i primi capitoli di una storia, al rientro da un mio viaggio a Venezia, senza l’intenzione di volerla pubblicare. Avevo semplicemente sentito l’impulso di mettere nero su bianco le emozioni che la mia permanenza in quell’antica residenza nobiliare veneziana, aveva suscitato in me. Invece, da allora sono andata avanti a pubblicare altri romanzi. Se prima scrivevo tra una traduzione e l’altra, adesso posso dire che la scrittura occupa la maggior parte del mio tempo. Ma naturalmente, non ho abbandonato le traduzioni che restano il mio primo, grande amore.
Caratterialmente sono una persona paziente, riservata, estremamente precisa, puntuale e rigorosa. Tutte caratteristiche positive, certo, ma i miei figli aggiungerebbero che sono una rompiscatole. Forse è vero… pretendo il massimo rigore anche dagli altri e spesso ricevo delle grandi delusioni e arrabbiature. Ma non siamo tutti uguali e il mondo è bello perché è vario, no? 
Ho tanti hobby e mi piacerebbe avere maggior tempo per coltivarli. Adoro fare giardinaggio, andare in giro per mercatini dell’antiquariato e scovare libri, tazze da tè, coperchi di zuppiere che colleziono e vasi cinesi, la mia ultima passione. Mi piace molto cucinare e apparecchiare belle tavole. 
E viaggiare. Sono spesso i viaggi a ispirare ciò che scrivo. Sono molto creativa e mi diletto a realizzare centrotavola abbinando fiori freschi, frutta e ortaggi. E regalare dolci che preparo io, personalizzando le confezioni con scatole e nastri che cerco con ossessione spasmodica.
Ho un sogno nel cassetto: vedere diventare uno dei miei romanzi, magari “Vite”,  la trama di un film!
Lo so è un qualcosa di irrealizzabile ma… “un vincitore è un sognatore che non si è mai arreso” come sostiene Nelson Mandela.


E ora la parola all'editrice

Ho conosciuto Elisabetta alla Fiera di Roma "Più Libri Più Liberi". Ricordo che si è avvicinata con circospezione allo stand :-O e sfiorando un libro di qua e uno di là sul tavolo, mi ha detto che cercava una casa editrice con un'impostazione familiare.
Era capitata proprio allo stand giusto!
Mi ha parlato di un romanzo inedito, così le ho proposto di partecipare al Premio "Dentro l'amore".
L'ha fatto.
E ha pure vinto!
Ma la cosa curiosa è come l'ha saputo! Un aneddoto che rimarrà nella storia.
Dovete sapere che aveva ordinato alcune delle mie opere e già lì ho pensato che fosse una persona molto carina :-)
Così le ho preparato il pacchetto e su un libro, "La calda tazza di caffè americano", le ho scritto nella dedica una cosa tipo: "Tu non lo sai ancora, lo saprai alla serata del 4 aprile in diretta da Facebook, ma hai vinto!"
Ricordo che ho chiesto a Giuseppe: «Siamo sicuri che il pacchetto arriverà a Roma DOPO il  4 aprile?»
E Giuseppe: «Ma certo! Figurati se arriva in due giorni di questi tempi!»
Infatti.
Appunto.
Ecco.
Come volevasi dimostrare.
La mattina del 3 aprile il corriere di Roma, che evidentemente è innamorato di lei perché le arrivano i pacchi alla velocità della luce, ha consegnato il plico e mi sono vista arrivare il seguente messaggio da Elisabetta:
"Cara Stefania, ho appena ricevuto i libri, e con i libri una notizia meravigliosa!!!!!!!! E' stata una scena comica perché mi stavo togliendo il pantalone che avevo infilato velocemente per andare sotto dal corriere e sento mio marito che dice ai miei figli (che oltretutto stavano facendo lezione a distanza...): Ragazzi, preparatevi a brindare. La mamma ha vinto il premio letterario! Io pensavo che mi stesse prendendo in giro. NON CI CREDEVO!!! Ma che bella sorpresa mi hai fatto??? Grazie di cuore!!! Che dire... sono felicissima. Emozionata. Una soddisfazione enorme. Anche perché non me l'aspettavo!!! Adesso posso finalmente dirti due cose. 1) Sei una persona meravigliosa, cara Stefania. Davvero un'editrice con il cuore. Sono 25 anni che lavoro in editoria e di editori ne ho incontrati un po'. Ma mai ho trovato tanta disponibilità e soprattutto passione vera. Mi piace il tuo modo di condurre la casa editrice e il rapporto che sai instaurare con i tuoi autori. Volevo dirtelo da tempo, da quando ti seguo su fb, ma ero frenata perché non mi sembrava corretto, visto che era in corso la valutazione dei testi. 2) Ci ho pensato tanto, come ben sai, prima di inviarti il romanzo, perché credevo che non avesse tutti i requisiti per partecipare a un premio letterario. Inoltre "Vite" è un romanzo diverso dagli altri che ho scritto in precedenza che sono tutti dei romance. Quindi, diciamo che è stato un "esperimento". A questo punto ben riuscito dal momento che mi ritrovo a essere vincitrice della sezione romanzi inediti! Ti mando un caro abbraccio! Sono felicissima!!!"

Beh, di sicuro questo episodio ce lo ricorderemo sempre con gioia e un sorriso.
(Che poi, a parte il premio, a seguito delle parole scritte nel messaggio relativamente a me, mi sono sentita pure io come se avessi vinto! :-D)
Ed ecco qui, il romanzo vincitore per la sezione narrativa inedita, premio Dentro L'amore edizione 2020.


Un romanzo che ho scelto per la vittoria perché ha tutti gli ingredienti che cerco:
pulizia nella scrittura
emozioni
contenuti profondi
messaggi di speranza

Sono sicura che farà un bel cammino e sono altrettanto sicura che Elisabetta Motta ci regalerà altri romanzi belli come questo!
Sono molto contenta che Elisabetta sia entrata a fare parte di Edizioni Convalle perché oltre alla sua scrittura, ovviamente, mi piace la sua persona, la sua eleganza, la sua correttezza, la sua lealtà. Non è cosa così comune. Mi spiace non avere una foto insieme da postare in questo numero del blog, ma spero che presto l'avremo. Al momento, metto una foto della sua bella Calabria, precisamente Catanzaro Lido, dove sono stata in una vacanza memorabile perché ho conosciuto persone splendide.

Nella foto Stefania Convalle, Daniela Nicoletti, Giuseppe Murru... E il vento!

Alla prossima 
dalla vostra
Stefania Convalle