Dipende da dove vuoi andare

Dipende da dove vuoi andare
nuovo romanzo ordinabile su Amazon

martedì 26 febbraio 2013

Numero 2 - 101 desideri - 26 Febbraio 2013


Ieri eravamo rimasti alla voglia di osare, ad aprire la prima porta... Cosa troveremmo? I nostri desideri.
Tempo fa ho letto un interessante articolo dove si parlava di desideri e di una visione particolare in proposito.
I desideri visti come proiezioni della nostra mente verso il futuro, come anticipazione di ciò che davvero potremmo avere, della serie "se puoi immaginarlo, puoi farlo".
Sono poi le nostre paure, i condizionamenti che ci frenano e ci bloccano, invece di spingerci ad osare, a "gettare il cuore oltre l'ostacolo".
I bambini sono più bravi di noi adulti a sognare, a desiderare, non si pongono limiti. E' durante la crescita che vengono indottrinati ad aver quasi paura di desiderare...
Si proponeva, sempre in quell'articolo, un interessante procedimento relativo ai desideri e cioè di cominciare a scrivere i nostri, non un numero a caso, bensì 101.
Perché 101? Perché "è un numero che raffigura simbolicamente un intero grande (100), ma aperto, grazie a quell'uno in più. Inoltre obbligherà inevitabilmente a ridestare, stimolare e irrobustire le facoltà di desiderio atrofizzate." Comporre un elenco, dunque, focalizzando i nostri desideri e metterli nero su bianco, in maniera dettagliata e volgerli solo al positivo.

Insomma, bisogna tornare "bambini", liberarsi da condizionamenti, paure, senso di inadeguatezza e vedere se riusciamo a tirar fuori dal famoso cassetto tutti i nostri sogni e desideri, scriverli, crederci e aspettare che si realizzino.
Ci proviamo?

p.s. per chi non è ancora un blogger: per commentare questo post devi cliccare sulla freccina a fianco di "commenta come", compariranno delle scritte, seleziona "nome/URL", scrivi il tuo nome o nick, clicca su "continua" e potrai inviare il tuo commento che sarà graditissimo. Grazie!

4 commenti:

  1. Cara Stefania, i bambini hanno la facoltà di vivere i desideri come realtà tangibile, Per questo motivo, vivono la loro età in modo sereno, sanza le ansie degli adulti.C'è da imparare molto da loro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero! Hai detto proprio una cosa giusta,abbiamo molto da imparare dai bambini per la loro capacità di sognare e desiderare senza paletti e per la loro capacità di vivere veramente il QUI E ORA.
      Peccato che poi gli adulti, la maggior parte delle volte, gli insegnino a chiudere in gabbia i loro sogni e a non osare più di tanto...

      Elimina
  2. Ciao Stefania,

    ho letto diversi libri a proposito dei nostri desideri, intesi come possibili proiezioni reali future e ho imparato che esiste una "legge d'attrazione" nell'universo, per cui, tutto ciò a cui pensiamo viene attirato nella nostra vita.

    Il problema è gestire i pensieri negativi, perchè questa legge non valuta nè il bene nè il male, ma risponde solo alla "richiesta".

    Quindi, la cosa importante, è cercare di fare sempre molta attenzione ad ogni nostro pensiero: ma, questa, è la cosa più difficile in assoluto, perchè vorrebbe dire essere sempre attenti, vigili in ogni istante di veglia della nostra giornata.

    Qualcosa di non buono sfugge sempre, però l'importante è credere fermamente alla realizzazione di un sogno, pensarlo precisamente nei minimi particolari: disegnarlo, raccontarlo, scriverlo minuziosamente, come fosse un " articolo" da ordinare, perchè quello che si visualizza è quello che si ottiene, non altro in più od in meno.

    I bambini sono ancora incontaminati dalle negatività degli adulti, per questo sanno sognare così bene; poi, crescendo, non si capisce bene perchè questa meravigliosa "attitudine" venga considerata quasi un difetto per la realizzazione di una personalità matura e responsabile.

    Eppure, i più grandi uomini di ogni epoca sono anche stati grandi sognatori testardi, altrimenti non avrebbero mai scoperto e creato nulla.

    Va vene, Stefania, io sono pronta a scrivere tutta la mia "carica dei 101" !!!...anche se i miei sogni sono molti di più!!!

    Un bacio grande e complimenti per questa tua pubblicazione, è di buon auspicio per questo "neoblognato" che diventerà quello che immagini.

    Buona fortuna.

    cinzia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivido tutto ciò che hai scritto nel tuo intervento, cara Cinzia;-) Ho letto "Il segreto" e "La chiave", e ho visto anche "Il Segreto" in versione dvd;-) Sicuramente credo che siamo noi ad attrarre ciò che pensiamo, perché a volte, quando le cose non vanno bene, basta cambiare atteggiamento e come d'incanto le cose cominciano a girare diversamente: provare per credere;-)
      I 101 desideri però non sono riuscita a scriverli tutti, mi sono fermata a 33; che vorrà dire, che non sono più capace di sognare?
      Ossignur!! Stanotte non ci dormo;-)
      Buonanotte, Pleiadiana:-)*

      Elimina