Il silenzio addosso

Il silenzio addosso
nuovo romanzo ordinabile sul sito Edizioni Convalle e su Amazon

mercoledì 27 dicembre 2017

Numero 301 - Ritorno al passato - 27 Dicembre 2017



Ecco il mio regalo di Natale.
Un po' kitsch, vero?

Oppure rappresenta solo la mia malinconia per il passato?

Intendiamoci,quando ero piccola questi telefoni erano già fuori uso, ma esisteva ancora la cornetta bella corposa e la ruota per comporre i numeri.

Bei tempi.

Belli i tempi in cui tutto era più "umano" e non si viveva in un'Era che assomiglia a un tritacarne dove viviamo in una perenne ansia da prestazione.

Sarà il Natale, sarà che comincio ad avere i miei anni, sarà che comincio a capire i nostri nonni quando dicevano: ai miei tempi...

Eh sì.
Lo capisco.

E così, l'altro giorno, in un negozio dove mi trovavo per fare la spesa, ho visto questo telefono che mi ha riportato in un batter d'occhio ai tempi andati.
"Lo voglio", mi sono detta.

E oggi è arrivato e troneggia nella mia anticamera, al posto di un super telefono provvisto di fax.

Machissssssenefrega del fax?
Ne farò uno all'anno.

Voglio questo telefono, cornettona gigante, 
quasi fossi negli anni '30.

Ma si può tornare indietro?
Non dico negli anni trenta, certo che no.
Ma quando  la tecnologia non ci aveva mangiato 
in un sol boccone!
Quando ancora si trovava il tempo per una chiacchierata al telefono, con la cornettona, chiuse in una stanza a parlare con l'amica, concentrate solo sulle chiacchiere, confidenze, risate o sfoghi, non importa, ma era un tempo "dedicato"...

Forse sono stanca di tutto questo corri corri che mi ha portato via il "mio" tempo.
Quello per stare con me stessa.
Quello per leggere.
Quello per scrivere.
Quello per badare alla mia casa senza viaggiare per le stanze col cellulare in mano.

Quello per vivere il sabato e la domenica come si vivevano una volta: 
adesso è sempre lunedì, come mai?

Rivoglio il mio tempo.

Forse la "mia" rivoluzione comincia da qui.
Da quel telefono che adesso mi guarda sonnolente e  pacato.
Quello stesso telefono che mi dice: "Stacca la spina - non la mia neh (è un telefono milanese ;-) ) - e goditi una bella chiacchierata con le tue amiche."

Anno nuovo (in arrivo)
Vita nuova (in arrivo)
Telefono nuovo (arrivato)

Ragazzi, mi sa che si cambia vita ;-)


Alla prossima
dalla vostra

Stefania Convalle





5 commenti:

  1. Ah se bastasse un telefono retrò...
    Condivido lo stress, il tempo tiranno e la "voglia di me".
    Ti auguro un nuovo anno pieno di positività retrò e uno squillo fortunato che esaudisca un desiderio.

    RispondiElimina
  2. Vecchie usanze con nuovi obiettivi. Auguri per il nuovo anno 💖

    RispondiElimina
  3. Drin...drin...drin..."Pronto"..."parlo con l'autrice Srefania Convalle"..."In persona, chi parla?"..."sono .... .... dell"ufficio di .... .... ho il piacere di comunicarle che il suo romanzo "Dipende da dove vuoi andare" è stato scelto per una trasposizione cinematografica e il mio capo vorrebbe discutere con lei i dettagli dell'offerta" ...."STUMP"..."Pronto, è ancora in linea?"...😉

    RispondiElimina
  4. Ahahahahah :-D Questo telefono mi sa che è magico;-)

    RispondiElimina