Dipende da dove vuoi andare

Dipende da dove vuoi andare
nuovo romanzo ordinabile su Amazon

venerdì 19 aprile 2013

Numero 54 - In cerca dell'anima gemella a spasso per i Tempi dei Tempi - 19 Aprile 2013

Ho letto due libri di Brian Weiss: "Molte vite, un solo amore" e "Messaggi dai Maestri".
Argomenti interessantissimi, che mi hanno coinvolta dalle prime pagine.

Brian Weiss è un famoso psichiatra americano che nella prima parte della sua vita professionale era completamente scettico circa quelle discipline “non scientifiche” come la parapsicologia.
Ecco cosa scrive nella prefazione ad uno dei suoi libri più famosi, “Messaggi dai Maestri” (Oscar Mondadori): “Non sapevo nulla del concetto delle vite passate o della reincarnazione, né volevo saperne. E poi accadde il primo contatto, improvviso e scioccante, con la spiritualità, l’emisfero destro del cervello, la dimensione non lineare.”

L’ipnosi regressiva era una tecnica con la quale aiutava i suoi pazienti a tornare indietro negli anni per recuperare memorie e traumi, al fine di risolvere questioni che rendevano loro difficile la vita. Ma durante una seduta con una sua paziente, Catherine, accadde qualcosa di inaspettato che rivoluzionò il suo modo di pensare.
“Catherine cominciò inspiegabilmente a ricordare ciò che sembravano memorie di vite passate. In qualche modo, tutti i suoi sintomi clinici miglioravano per via di questo processo di regressione. Ero stupefatto, ma stavo anche iniziando a scoprire l’armonia tra la scienza e l’intuizione.
Questo processo è iniziato vent’anni fa, e da allora ho fatto regredire più di duemila pazienti a memorie di vite perinatale, intrauterina e a memorie di vite precedenti.”

 In sostanza, Brian Weiss, attraverso la sua esperienza sul campo, ha scoperto che le vite precedenti influenzano, a volte pesantemente, la vita attuale e che recuperando il ricordo, sciogliamo dei nodi che ci permettono di risolvere paure e traumi che ci portiamo dietro.

Tramite, poi, queste sedute di ipnosi con i suoi pazienti, è accaduto che il paziente stesso diventasse il canale per fare arrivare dei messaggi di entità spirituali, messaggi d’amore che spiegano, tra le altre cose, che l’anima non muore mai, che non ci separiamo mai dalle persone care  e che incontriamo sempre coloro che sono importanti per noi nel susseguirsi delle reincarnazioni.

Ritroviamo questo concetto anche nella Bhagavad Gita: “Per l’anima non vi è nascita, né morte. La sua esistenza non ha avuto inizio nel passato, non ha inizio nel presente e non avrà inizio nel futuro. Essa non è nata; è eterna, sempre esistente e primordiale.
Non muore quando il corpo muore.”
Argomento vasto e controverso.

Personalmente credo che ci siano portali che ci collegano ad altre dimensioni e potremmo all’istante metterci in contatto se solo fossimo liberi da preconcetti e paletti mentali. Nella mia vita ho avuto modo di avere esperienze particolari che mi hanno fatto percepire una dimensione diversa dalla nostra che viviamo quotidianamente.
 Qual è il vostro pensiero in proposito? Avete avuto qualche esperienza in tal senso?

Interessante è anche ciò che afferma il Dott. Weiss riguardo ai bambini e ai loro ricordi presenti fino all’età di tre/quattro anni, delle loro vite precedenti.
Che ne pensate?

28 commenti:

  1. Per rispondere a queste domande, vi ricordo come si fa ad inserire il commento: sopra lo spazio dove dovreste scrivere il testo c'è una scritta che dice COMMENTA COME e sulla stessa riga trovate una piccola freccia sulla quale dovete cliccare; uscirà un elenco e cliccate su NOME/URL, si aprirà una nuova finestra e dovete scrivere il vs nome o nick dove c'è scritto NOME; poi cliccate su CONTINUA, inserite il testo e cliccate su PUBBLICA. Più facile di così!!!

    RispondiElimina
  2. Ciao Stefania, io rimasi molto affascinata dai racconti Brian Weiss, tant'è che ho iniziato a praticare ipnosi regressiva su me stessa seguendo il suo metodo.
    Di certo sono emerse delle cose importanti sui rapporti affettivi e il karma. Mi è stato di grande aiuto, ma fondamentalmente ho capito che non basta conoscere le "motivazioni" che ci inducono ad rincontrare delle persone in questa esisteza, o che ci inducono a compiere delle scelte.
    In realtà, per vivere una vita felice diventa necessario sciogliere i nostri nodi karmici e cambiare i nostri schemi, altrimenti continueremo a vivere in un circolo vizioso di esperienze negative, con persone che in un modo o in un altro mortificano alcuni aspetti della nostra personalità.
    L'Anima Gemella, quella che ci rende felici, non quella che ci fa scontare attraverso la sofferenza il nostro karma negativo, dobbiamo desiderarla intensamente..con ardore.
    Il segreto è: capire quali sono le caratteristiche che ci riempiono di gioia, individuare gli aspetti che davvero ci piacciono di una persona, immaginarla nella nostra mente come se già esistesse e ...avere fede!! Arriverà <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Danilù! :-) Come ho scritto, ho letto due libri di Brian Weiss che mi hanno illuminata su vari fronti! Mi piacerebbe praticare l'ipnosi regressiva per capire meglio alcune esperienze di questa vita che sono state talmente particolari da indurmi a pensare che siano arrivate da chissà dove, altre vite... Da sola non ho mai provato a praticare l'ipnosi, forse un po' ne ho paura, ma ultimamente mi capita di avere alcune "visioni" in momenti di estremo rilassamento, tipo poco prima di addormentarmi o di fare sogni particolari... Oppure mi capita mentre pratico zen shiatsu, quando la mente si spegne e partono altre energie.
      Per quanto riguarda il tuo metodo per cercare l'anima gemella, mi viene in mente la legge di attrazione;-) Tecnica ottima che condivido pienamente:-)))

      Elimina
    2. Quando la mente è rilassata si verificano fenomeni di questo tipo, ma con l'ipnosi si riescono ad avere visualizzazioni molto più chiare.. Qualche medidazione (ipnosi regressiva) di Weiss si trova anche su youtube, oppure c'è un libro che contiene il CD con il percorso guidato.
      La Legge dell'Attrazione spazia in un universo vastissimo di concetti e tecniche di ogni tipo. L'essenziale è trovare quella che più si addice ad ognuno di noi. Funziona solo se rimuoviamo e sostituiamo i nostri schemi depotenzianti, che possono essere anche schemi collettivi... Personalmente posso dire che si tratta di un lavoro su se stessi abbastanza complesso poichè spesso si scontra con la paura del cambiamento e con il proprio Ego, ma ogni volta che ho desiderato intensamente che "qualcosa" giungesse nella mia vita ...è arrivata per davvero!!

      Elimina
    3. Quindi tu hai fatto l'esperienza dell'ipnosi regressiva da sola? Non so, un po' mi spaventa fare questa esperienza senza avere vicino un professionista... Rimani sempre cosciente, quindi?
      La legge di attrazione la conosco;-) e cerco di metterla in atto e devo dire che quando una cosa la vuoi veramente con tutta te stessa, riuscendo ad immaginare di averla già e a provare l'emozione che si proverebbe avendola, beh, arriva davvero!!!;-) Bisogna solo eliminare gli schemi che ci tengono prigionieri, hai ragione, e che ci fanno aver paura di sognare in grande!

      Elimina
    4. Tranquilla... rimani cosciente! ;) Si tratta di una meditazione più profonda, nulla di più :)

      Elimina
  3. Argomento mooooolto interessante! Mi piacerebbe regredire e saper chi ero in passato, sono sicura che mi porto dentro un'anima complessa ma piacevole.
    Ho senz'altro avuto dei "dejà vu" e ho continuamente delle "sensazioni" che mi fanno percepire la strada giusta da prendere in quei momenti.
    Forse è perché dormo poco che il mio cervello lavoro spasmodicamente in quel senso...
    Comunque sia a me piace analizzarmi, ascoltarmi e capirmi per fare in modo da porgermi meglio anche agli altri e non solo a me stessa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mmmmmm...dejà vu e "sensazioni"...interessante Lu! Ce ne vuoi raccontare qualcuna?

      Elimina
  4. oooohhhhhh.....dunque....argomento che conosco abbastanza bene...ho letto i 2 libri e altri ancora e sono andata anche a conferenze sull'argomento...
    Direi tutto molto affascinante ma non solo...
    volevo sottopormi a ipnosi regressiva...
    chi la conosce?
    si torna indietro fino addirittura ad arrivare a poter guarire paure attuali,arrivando al cavillo del passato in altra vita...
    io ho dei ricordi di vite passate fin da piccola, sfumati negli anni ma tenuti nella mente con dettagli particolari...
    Manuela Pompas è la scrittrice di vari libri sulla reincarnazione, è la numero 1 in ipnosi regressiva...
    La gente scettica non crede a queste cose ma anche perchè non si informa e fa prima a dire così...forse per paura?...
    Ci sono i bambini chiamati indaco di cui parla Stefania,bambini che hanno raccontato fatti con nomi di persone e luoghi, dove poi hanno riscontrato il tutto, grazie a qualcuno che ha iniziato a credere a questi racconti....
    inoltre,la scienza dapprima scettica si sta ravvedendo grazie a questi racconti...
    leggete anche ,sempre di Brian Weiss," messaggi dai maestri", dove viene spiegato come si sanno certe cose che sono, spesso sottovalutate o ignorate dagli sciettici.....
    insomma, un grande campo dove chi vuole, può rinascere......
    Serena

    RispondiElimina
  5. sarà, venerdi 26 sera,sabato 27 e domenica 28 tutto il giorno, un seminario sulla reincarnazione con regressione ipnotica di gruppo,con Manuela Pompas di cui ho parlato prima (chiunque può vedere su internet chi è il personaggio)....costo 180 euro tutti e 3 i giorni......se volete ulteriori informazioni su di lei e ciò che fa questo è il sito .....karma institute Manuela Pompas..... a Milano è raro trovarla.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qualche giorno fa avevo pensato di dedicare un Numero proprio ai bambini indaco di cui parli, Serena... Argomento interessante che avremo modo di approfondire. Cmq, Weiss, quando parla dei bambini, non si riferisce nello specifico ai bambini indaco, ma ai bambini in generale che essendo ancora liberi da schemi che ingabbiano la mente, sono in grado di cogliere presenze a loro vicine o sono ancora in grado di ricordare le loro vite precedenti...

      Per quanto riguarda gli scettici, penso che sia un atteggiamento dettato dalla paura dell'ignoto;-) è un classico di persone molto razionali negare sempre e comunque tutto ciò che non si può dimostrare scientificamente.
      A parte che, come scrive il Dott. Weiss, i casi di regressione sono talmente tanti e catalogati che rappresentano una sorta di prova scientifica.
      Hai ragione, è un grande campo dove, chi vuole, può rinascere... L'ultimo libro che ho letto, Messaggi dai Maestri è un libro talmente illuminante sotto vari aspetti che leggerlo è come vivere una sorta di rinascita.
      Insomma, campo vastissimo e interessantissimo. Ma mi piacerebbe conoscere qualche testimonianza su scoperte di vite precedenti da parte di qualcuna di voi!
      Dai, Serena, vai più nel dettaglio!
      Per quanto riguarda il seminario, è sicuramente interessante, chissà...

      Elimina
    2. Dettaglio.....io ho i miei ricordi molto netti ma a causa di anomalie cardiache, non mi posso sottoporre a ipnosi regressiva e questo me ne dispiace....ma voglio informarmi ancora meglio su questa cosa.....ho 2 ricordi in particolare che oserei dire angoscianti e quando ci penso, mi prende una cosa dentro molto forte....sono ricordi di distruzione, di fuga, di fuoco, di gente morta, di tanto sangue, di un cavallo nero e un uomo con una specie di divisa da battaglia...con una croce....sono andata a cercare su internet alcune figure di questo genere ed ho trovato qualcosa ma non uguale...ho ricordo di un vago viso con una cicatrice su una guancia e la tipologia del vestito che indossavo...avevo i capelli lunghi come ora...altri ricordi di un altro periodo sono degli scogli ricoperti di verde molto chiaro in riva a una mare altrettanto cristallino ed ero coperta da qualche straccio....quasi nuda ma ero di animo sereno.....e un altro ancora dove ero credo rasata in testa e annegavo di notte in acque nerissime, annaspavo.....un altro periodo ancora una terra molto secca e rossastra con tanti teschi...tutto questo me lo porto appresso da quando ero molto piccola poi in parte un po' sfumato....non erano sogni ma netti ricordi che a mia volta continuavo poi a sognare... negli anni ho dedotto che questi ricordi erano poi la causa di piaceri o timori attuali, ad sempio il mio amore per una tipologia di mare, per i capelli molto lunghi, per la terra rossa africana che adoro...sento il profumo di casa...la paura dell acqua scura che mi terrorizza e cerco di vincere ma che mi viene difficile...ho scoperto poi da grande un attrazione per l Egitto e quando ci sono stata,ho avuto una gioia immensa nell animo...quel silenzio desertico,quella sabbia dorata, il profumo di quell aria...quello che il popolo mi dice che mi riporta indietro...tutto questo e altro mi ha fatto tornare li per ben 10 volte col desiderio di ritornare li sempre più spesso...e non parlo a livello turistico perchè a me non interessano ne i villaggi ne le animazioni...insomma, potrei scrivere un libro cara Stefania perchè ce ne sarebbe da dire....ma direi che per ora ti ho aggiornata...

      Elimina
    3. Eh sì, Serena, hai fatto un racconto dettagliato: mi par di capire che hai una sorta di visioni, ma che situazione, oltre ai sogni? In qualche situazione meditativa, per esempio?

      Elimina
    4. Meditazione a parte,il più delle volte è stato davanti a persone,oggetti,paesi che ho avuto flash molto forti di ciò che ho scritto....flash paragonati alla realtà...
      poi presi e meditati nel silenzio della mia casa e con me stessa....non ho bisogno di compagnia per fare ciò,di nessuna guida...
      non è facile da spiegare perchè se non si sono provate certe cose che vanno al di la della spiegazione verbale,diventano incomprensibili o si viene presi per matti...
      so solo che sono arrivata a un punto dove non voglio più andare avanti, perchè mi è bastato per capire il significato della vita che, non sicuramente viene condiviso da tutti allo stesso modo...
      ora il mio tempo è per dedicarmi alla vita e alla possibilità che mi è stata data....
      capire o vedere chi si è stati, non è per continuare a scavare per arrivare chissà in quale tempo ma, per farti capire che devi dare te stesso oggi.....

      Elimina
    5. Sono d'accordo con te, Serena: indagare su vite precedenti può essere ed è sicuramente interessante, ma non bisogna dimenticare che la vita che abbiamo è quella che stiamo vivendo adesso e qui dobbiamo concentrarci per goderne ogni attimo:-)

      Elimina
  6. Che argomento !!!!!! Coinvolgente!!! E' da tanto che penso alla ipnosi regressiva, ho letto alcuni libri di Weiss e mi piacerebbe ricordare qualcosa delle pecedenti vite per avere più chiarezza in qsta vita. Alcuni anni fa ho fatto un sogno che non più dimenticato, mi sono svegliata con la sensazione di aver vissuto quella situazione per altro molto brutta . Ero in acqua dentro un auto o forse un elicottero non so bene e tentavo affannosamente di uscire ma non ci riuscivo e naturalmente mi sentivo soffocare. Questo mi ha lasciato la sensazione di come era morta in altra vita. Ci viene detto di vivere sempre sereni pchè quando la vita si ferma nel mondo psicologico che viviamo in quel momento determina la nuova rinascita. Ebbene io sono nata proprio così. è difficile spiegarlo è un argomento un pò particolare, ma ci sono particolari molto simili al sogno. Mi piacerebbe parlartene perchè ha veramente dell'incredibe. Ti dico solo qsto per ora io sono nata e hanno creduto che fossi morta. il medici ha fatto una sorta di benedizione e mi hanno messo da parte pchè per loro non c'era niente da fare. L'elemento acqua è stato fondamentale mi hanno in seguito messo in una vasca piena di acqua naturalmente completamente sommersa....ecc ecc ecc

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecc ecc ecc...Vai avanti, Laura! E poi? Che è successo??

      Elimina
    2. E' successo che dopo molti tentativi sono tornata ho pianto come tutti i neonati e ho iniziato a percorrere quella che è stata poi la mia vita. N.b dimenticavo il parto è stato difficilissimo ,mia madre ha rischiato la vita, mi sono presentata alla vita al contrario praticamente per i piedi, non facendo niente praticamente per uscire. Sono nata in casa , in ospedale sicuramente avrebbero fatto un cesareo, ma sai io ho 55 anni erano altri tempi. La nascita fa parte delle 4 sofferenze, insieme alla vecchiaia, malattia , morte., come si nasce influenza il corso della vita , per me è stato così, nonostante tutto sono felice pchè la fatica fatta sempre nelle vicende mi ha fatto diventare quella che sono oggi . Sicuramente ognuno di noi ha una missione nella vita pertanto io dovevo essere qui ora. Il sogno fatto anni fa , mi è sembrato un collegamento. Magari non è così chissa !!

      Elimina
    3. Incredibile! Di sicuro il momento della nascita ti ha indubbiamente segnata, qualcosa che ti porti dietro come ogni esperienza... Non è che ciò che ci accade da piccoli, scompare dalla memoria, ma vi resta a livello profondo... Almeno, così la penso io;-) e gli esperimenti di ipnosi regressiva compiuti dal Dott. Weiss lo dimostrano quando riporta i pazienti al momento della nascita di questa o altre vite... I ricordi sono nitidi.

      Elimina
  7. vi "ascolto" con interesse profondo,continuate a parlare,che cos'è la legge di attrazione?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ti interessa la Legge di Attrazione, dedicheremo un numero del blog a questo argomento!:-)

      Elimina
  8. E' importante lasciarsi guidare dal proprio cuore in ogni momento della vita, saperlo "ascoltare" significa seguire il suo battito anche senza capire, razionalmente, perchè scelga 'quel' ritmo.

    Il cuore 'sa' quale sia l'armonia giusta per ognuno di noi e riconosce immediatamente l'accordo a noi destinato.

    Una buona vita è quella nella quale, qualunque cosa succeda, non si ha mai paura, perchè si ha la certezza che il nostro cuore ci sta guidando verso il nostro destino migliore.

    Personalmente, sono riuscita a vivere in questo modo; molte volte, mi sono 'salvata' da situazioni rischiose grazie al suo intervento che, immediatamente, mi ha lanciato 'segnali' di allarme per tutto il corpo mentale.

    Molte altre volte, invece, ho seguito esperienze delicate, razionalmente sconsigliabili, ma che ho percepito opportune, senza capirne la ragione.

    Da sempre, ho considerato la realtà una possibilità, non una certezza.

    Forse, ho mantenuto, nel profondo di me stessa, da quando ero bambina, quell'apertura mistica segreta verso una parte sconosciuta della vita che mi ha, con il passare del tempo, 'allenata' a pensare che tutto sia possibile senza averne paura.

    Forse, senza esserne consapevole, soffro semplicemente di allucinazioni e di una qualche forma di pazzia mediamente accettabile.

    Ma...non mi crea problemi, anzi, assicuro che ho sempre provato dentro di me una serenità che mi è stata utile per superare ogni momento difficile e di sofferenza con grandisssima forza interiore.

    Non mi sento sola, ho altre 'presenze' dentro di me che non mi hanno mai lasciata, che mi ripetono costantemente di non aver paura perchè sono sul mio Destino Primario.

    ...lo vedi, Stefania, io circolo in giro liberamente... ma sarei da rinchiudere!

    cinzia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se tu sei da rinchiudere, io devo venire con te;-) siamo sulla stessa lunghezza d'onda!;-) Ma sappiamo anche perché, chissà da dove veniamo...;-)

      Elimina
  9. ...ma quanto ti voglio bene!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io neh;-)
      p.s. Michela era preoccupata perché non vedeva più i tuoi commenti!!! Ti aspettano;-)

      Elimina
    2. Ho visto, Stefania!

      Ma che posto stupendo hai creato!

      Hai raccolto, intorno a te, persone che non si conoscono, e hai cercato di avvicinarle, giornalmente, con un argomento diverso, lasciando ad ognuno libertà di pensiero.

      Ora, queste persone si stanno conoscendo attraverso la loro scrittura, si stanno in qualche modo 'affezionando' ed ogni giorno s'incontrano e si leggono l'un l'altro e si cercano se qualcuno manca, domandandosi dove sia finito.

      Questo è un 'pensiero giornaliero in movimento' , Stefania, tu hai generato una nuova corrente opinionistica: il "Pensigiornalimento" o se preferisci il "Movigiornasiero".

      In ogni caso, un'intuizione fantastica!

      Complimenti!!!

      cinzia

      Elimina
    3. Solo tu potevi coniare un termine del genere: PENSIGIORNALIMENTO O MOVIGIORNASIERO.

      Sei fantastica!!;-))

      Elimina