Dipende da dove vuoi andare

Dipende da dove vuoi andare
nuovo romanzo ordinabile su Amazon

lunedì 1 aprile 2013

Numero 36 - Poetessa romant.erotic new entry - 1° Aprile 2013


Ho "scovato" una poetessa nascosta nel web;-) 
Silvia Benedetti: poetessa e fotografa (magari, se ci dà il permesso, le dedichiamo anche un numero del Blog per mostrare i suoi bei ritratti fotografici di nudi), mi ha fatto leggere alcune sue poesie che definirei romantiche con una punta di erotismo molto garbato, poesie che mi sono piaciute al primo colpo e che ho deciso di condividere con voi.




                                           
                      La promessa del tuo corpo
lecca i mie nervi.
Il ventre
mi morde il respiro.

E danziamo.

Azzurro
trascini il mio sguardo
nel tuo.

Farei catene intorno
per non andare,
farei un tempo eterno
per le mie dita
sciolte nella tua bocca.

Più tardi
stordita
offro la gola all'alba.



Esserti
come un respiro 
nella bocca.

Donna d'acqua
solcarti
annegarti
dentro al mio corpo
e correrti
aprirti
con le mani che sanno
e non sanno
amarti, 
con gli occhi 
leccarti
raccoglierti,
quel che resta dell'onda
sullo scoglio.

Noi
azzurri
mai stanchi
del profumo
rotondo
della nostra pelle.



C'è un'alba di latte
sulla tua bocca
che accarezza il volto
mansueto della morte.
Ti amo 
sopra e sotto
la tua pelle amara
accoccolato
nella mia anima conchiglia.
Ti amo
nelle corse del respiro
sui tuoi occhi
nell'averti ed esserti ed averti
nelle parole trasparenti
nei nostri corpi chiusi
mentre nitrisce il fiume.

Ti amo nella notte
che sono cento notti
 se tu manchi.


Complimenti, Silvia! E ora la parola ai lettori del Blog;-)

12 commenti:

  1. Per rispondere a queste domande, vi ricordo come si fa ad inserire il commento: sopra lo spazio dove dovreste scrivere il testo c'è una scritta che dice PUBBLICA COME e sulla stessa riga trovate una piccola freccia sulla quale dovete cliccare; uscirà un elenco e cliccate su NOME/URL, si aprirà una nuova finestra e dovete scrivere il vs nome o nick dove c'è scritto NOME; poi cliccate su CONTINUA, inserite il testo e cliccate su PUBBLICA. Più facile di così!!!

    RispondiElimina
  2. Cara Silvia, ti riporto qui due commenti che hanno scritto su fb sulle tue poesie;-) non riuscivano a scriverlo qui:-\ Carmen dice che le tue poesie le sono piaciute, anche se le ha trovate un po' lunghe... (personalmente non le ho trovate lunghe, anche perché sono scritte bene e quindi non annoiano;-)...) e poi Stefy che le ha definite "bellissime" :-)

    RispondiElimina
  3. a me sono piaciute molto,anche perchè non conoscevo la poesia erotica fine. grazie a Stefi stiamo scoprendo tanti mondi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Poesia erotica fine: mi piace questa definizione:-) erotismo elegante...Ma la parola erotismo già racchiude questo significato, giusto?

      Elimina
  4. Le definisco con una sola parola: eleganti, che per la poesia erotica non è un obiettivo facile da raggiungere.
    La mia preferenza assoluta, però, va alla prima.
    Leccare i nervi, il ventre che morde il respiro, le dita sciolte nella sua bocca e infine quell'offrire la gola all'alba: immagini splendide.

    RispondiElimina
  5. ...assolutamente meravigliose...

    su tutte, questo passo:

    "La promessa del tuo corpo
    lecca i miei nervi.
    Il ventre
    mi morde il respiro."

    E' una scrittura raffinatissima che, sapientemente, sa tradurre con parole delicate le emozioni sensuali del corpo e della mente.

    Trovo che queste poesie siano un afrodisiaco naturale ed immediato per preparare la mente all'amore, hanno un effetto proprio "erotizzante" anche al primo accenno.

    Profonde, malinconiche, con intuizioni bellissime ("Più tardi stordita offro la gola all'alba" - "Esserti come un respiro nella bocca" )che offrono spunti per sostare e riflettere molto intimamente.

    Grande scoperta, Stefania! Complimenti sinceri all'autrice, benvenuta in questo spazio prodigioso!
    Grazie ad entrambe.

    cinzia

    RispondiElimina
  6. Sono commossa...grazie a tutte. I miei scritti di solito sono molto brevi, quasi dei graffi. Dico questo a chi ha notato la lunghezza. Se mi saranno date altre occasioni...magari meno erotiche, ve ne posterò qualcuna. Ovviamente prima le passo a Stefania che valuterà l'opportunità. E' lei la mia "vagliatrice". :-) Grazie di cuore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta, Silvia, che le mie collaboratrici abbiano apprezzato le tue belle poesie e sarò felice di proporne altre quando vorrai;-)
      Questo spazio è dedicato a chiunque abbia qualcosa da dire, sia in forma poetica che in altra forma, quindi aspettiamo altre tue opere: se poi diventerai famosa, ricordati di noi!!;-)
      Nel frattempo, spero che tu sia "dei nostri" in questo blog che ogni giorno cerca di inventarsi un nuovo stimolo per dialogare, confrontarsi, confidarsi, sfogarsi e, perché no, anche sorridere e divertirci insieme:-)
      A presto! :-)

      Elimina
  7. Molto piaciute e mi domando dove fosse nascosta tutta questa originalità e capacità di comunicare sensazioni...

    RispondiElimina