Dipende da dove vuoi andare

Dipende da dove vuoi andare
nuovo romanzo ordinabile su Amazon

venerdì 5 aprile 2013

Numero 40 - Da cosa nasce cosa... - 05 Aprile 2013


Prendo spunto da un video suggerito dalla nostra Emma per farvi una domanda, che però vi rivolgerò tra qualche riga;-)
Il video si riferisce all'ultima scena di "Nuovo cinema paradiso", scena in cui il protagonista ormai adulto rivede, commuovendosi, una carrellata di baci tratti dai film che vedeva da bambino, affascinato dal cinema che dà il titolo al film.
La colonna sonora inconfondibile che accompagna questa scena è stata composta dal Maestro Ennio Morricone, compositore premiatissimo che ha firmato le più belle colonne sonore di tutti i tempi.

Ed ecco le domande del giorno: 
quanto conta la musica nella vostra vita? 
Vi accompagna nelle vostre giornate? 
Qual è la colonna sonora della vostra vita?

Fatevi una dedica e la metteremo nel nostro Jukebox;-)

Personalmente amo la musica, ci sono cresciuta in mezzo avendo avuto una mamma pianista... Ma a parte la musica classica che ascolto in determinati momenti e che è stata la colonna sonora di fantastici istanti della mia vita, ascolto di tutto a seconda di quello che devo fare in quel momento o del mio stato d'animo.
Sarebbe bello che voi faceste una Hit Parade delle musiche che ascoltate, specificando quando e perché scegliete proprio quelle:-) 
Lo so, impresa non facile, e soprattutto impresa che richiede un po' di tempo, ma in fondo non ci corre dietro nessuno, il post è qui e quando siete pronti...via!

15 commenti:

  1. Per rispondere a queste domande, vi ricordo come si fa ad inserire il commento: sopra lo spazio dove dovreste scrivere il testo c'è una scritta che dice PUBBLICA COME e sulla stessa riga trovate una piccola freccia sulla quale dovete cliccare; uscirà un elenco e cliccate su NOME/URL, si aprirà una nuova finestra e dovete scrivere il vs nome o nick dove c'è scritto NOME; poi cliccate su CONTINUA, inserite il testo e cliccate su PUBBLICA. Più facile di così!!!

    RispondiElimina
  2. La musica accompagna i miei momenti ma è sempre diversa a seconda dello stato d'animo e delle persone che mi circondano.Sicuramente la musica classica è quella che mi rappresenta di più,avete presente "La cavalcata delle Walchirie" di Wagner,i notturni di Chopin,"il mattino" di Grieg,"danza ungherese" di Brahms e tante tante altre..però quando sono pensierosa ascolto bene le parole di cantautori come Guccini,de Andrè,Paolo Conte,De Gregori.mi piace molto Battiato ma proprio molto..i Beatles sono pietre miliari.ma mi piace anche un po' di heavy metal tipo Deep Purple e poco poco punk come i Joy division e i Clash.ho adorato molto tempo fa la new wave anni 80 e David Bowie

    RispondiElimina
  3. Ti piacciono i Deep Purple?? Allora devi venire qui il w.e. del 20-21 Luglio perché ho regalato due biglietti a Giuseppe per il concerto dei Deep Purple che si terrà a Vigevano e a me non piaccionoooooooooooo:-((((( vuoi andarci con lui?;-) Così cogli l'occasione per farti quel famoso w.e.;-)
    Per il resto: le Danze Ungheresi le conosco bene perché mia mamma le faceva studiare ai suoi allievi avanzati, sono bellissime e coinvolgenti;-) concordo in pieno!
    Per quanto riguarda la musica classica in generale, al momento attuale mi piace ascoltare Mozart.
    Sono anche in una fase nella quale ascolto molta musica zen, yogica o quant'altro sul genere: mi rilassa e mi placa gli eventuali cattivi umori;-)
    Per il resto, amo tutta la musica, a parte quella che fa troppo rumore;-) tipo il rock duro;-) Ascolto musica italiana e musica straniera, colonne sonore o anche canzonette se voglio canticchiare;-) Insomma, di tutto un po';-)

    RispondiElimina
  4. Nella mia vita la musica ha sempre contato moltissimo; credo non sia mai passato un giorno senza che l'ascoltassi almeno una volta.

    Mi è rimasta nella memoria un'immagine di quando avrò avuto otto anni, mi mettevo in piedi sulla sedia al centro della mia stanza, da sola, mi ascoltavo cantare "Montagne verdi", "Piazza grande" ed altri pezzi del momento; mi piaceva "travestirmi" con la caratteristica estetica dell'artista (foulard, occhiali, cappello, ecc.) facendo il possibile per adeguare la mia voce alla loro.

    Ancora oggi canto, le mie musiche, conosciute, inventate, arrangiate al mio ritmo personale del momento; le ascolto e partecipo attivamente, con il corpo, cantando, suonando con le mani, come la bambina di allora che non ha mai smesso di estraniarsi da se stessa quando un pezzo musicale la prendeva dentro per trasportarla verso emozioni intensissime.

    La colonna sonora della mia vita è rappresentata da Louis Armstrong in "What a wonderful world" perchè nonostante i momenti di sconforto e di sofferenza, la vita ha sempre saputo sorprendermi, facendomi percorrere sentieri impensabili di felicità inaspettata che mi sono serviti per capire che ogni "crescita" comincia, inevitabilmente, da poco o niente, addirittura; ma questo "poco" o "niente", non sono fallimenti, ma punti di partenza verso qualcosa d'importante.

    La Musica...l'essenza divina dell'esistenza umana.

    Un bellissimo "accordo" di baci tutti per te.

    cinzia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma anch'io cantavo MONTAGNE VERDI!!! ;-) E anch'io ho sempre cantato molto;-) da ragazza mi accompagnavo con la chitarra e canticchiavo Battisti forever;-) Poi ho posato la chitarra e cantavo e basta. Ora canto meno perché ascolto meno canzoni;-) prediligo musica che accompagni il mio zen shiatsu, è più in sintonia con me secondo il periodo che sto attraversando;-)
      Bella la tua colonna sonora: WHAT A WONDERFUL WORLD;-) E hai ragione! Alla fine, anche con qualche "POCO" o a volte "NIENTE", la vita ci sorprende ogni giorno...Basta saperla "guardare":-))) Superbacio!

      Elimina
  5. sorrido all'immaginare te paziente e attenta nell'ascoltare i Deep Purple con Geppi :-D però vorrei consigliarti "child in time",sono sicura che un po' ti ricrederai ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, dai, Michela: SALVAMI!!!!! Vieni a Milano e vai tu al posto mio!!!;-)

      Elimina
  6. Salve,
    io ascolto molto la musica,vari generi di musica mi accompagnano durante la giornata,come diceva Michela più sopra ,anche io cambio spesso genere a seconda del mio stato d'animo.Vado dalla musica classica, al blues "stracciamutande" ,al jazz,disco,pop,rock ,l'heavy metal più assordante (di notte quando guido ,per tenermi sveglio)...di tutto insomma.Non mi piace il reggae e la musica italiana (tranne i grandi classici,Bennato ,Vasco ,Dalla,Stadio...).
    I più gettonati quelli di cui ho i CD :Queen,Deep Purple(vado io se vuoi),Led zeppelin i classici del rock ....ma anche più recenti come i news o i drum theatre o franz ferdinand...anche Michael jackson,George Michael,Prince...la disco anni 80 donna summer ecc...
    Mi rendo conto che l'elenco potrebbe essere lunghissimo.La musica che scelgo,quella che preferisco,è diversa a seconda della situazione deve saper cogliere il momento ,esaltare uno stato d'animo attuale.
    Daniele

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Daniele, vuoi dire che mi salveresti la vita prendendo il mio posto al concerto dei Deep Purple:-D Ci devo pensare;-)
      Anche tu, quindi, ascolti musica a seconda dello stato d'animo... In questo momento, per esempio, ho appena fatto un trattamento zen shiatsu accompagnandomi con una musica degli Indiani d'America, molto ritmata e devo dire che ha ispirato la seduta di oggi:-)
      Dunque tu di notte guidi e ascolti musica... A questo punto sono curiosa sul tuo guidare la notte...

      Elimina
  7. Ma...non so se parlare qui di quello che faccio io sia inerente alla discussione.Non fraintendermi ,no ho nessun problema a parlarne solo non so se può interessare ai naviganti che passano da qui...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da un lato hai ragione (forse);-) nel senso che mi dimentico di essere in un Blog e parlo/scrivo come se fossimo tutti seduti a un tavolo davanti a un piatto di tagliatelle al ragù con un bel vino rosso;-) Però questo è il mio stile e lo sarà sempre e penso che caratterizzi un po' anche questo Blog che mi hanno detto essere più "caldo" di tanti altri;-) Forse lo è perché qui parliamo a ruota libera e ci mettiamo anche a nudo, tanto che ci frega;-) al massimo ci possono leggere al di là del mondo :-D Cmq scusa se magari ti ho fatto una domanda troppo personale;-) Eppure pensa che in uno dei prossimi numeri del Blog vi chiederò proprio di raccontarmi un po' di voi!

      Elimina
  8. Non ti devi scusare, hai solo fatto una domanda...
    il blog è il tuo e lo gestisci come vuoi..
    nessun problema a parlare di me,è un lavoro onesto.
    Come secondo lavoro faccio l'autista e mi capita spesso(questa notte per esempio)di portare clienti al ristorante o in disco ,locali notturni ecc..cosicchè possano mangiare e bere in tutta tranquillità senza rischiare la patente.Tutto qui.
    Approfitto per ringraziarti dello spazio che concedi a noi tutti.
    Daniele
    (già che ci sono,mi son permesso di commentare un tuo racconto ,quello della vecchina 80enne ,su rossovenexiano.com)

    RispondiElimina
  9. Il tuo secondo lavoro è interessante, chissà quante cose avresti da raccontare;-) Ma sei capitato per caso su rossovenexiano o sei uno scrittore anche tu? Se lo sei, puoi approfittare di questo spazio per farci leggere qualcosa di tuo, ti dedico un numero del Blog;-)
    Ti ringrazio per il commento su Rossovenex, è stata una vera sorpresa! Felice che ti sia piaciuto e felice che tu abbia colto in maniera precisa il senso del racconto. "Gli occhi non invecchiano mai" è un racconto che mi ha dato parecchie soddisfazioni, credo che sia uno dei più riusciti;-) e uscirà tra poco insieme a molti altri nel mio nuovo libro "Dentro l'amore";-)
    A parte tutto questo, grazie del grazie :-OOO ma sono io che devo dire grazie a tutti voi che dedicate il vostro tempo a questo blog e ne siete così partecipi! Quasi quasi mi commuovo:-)

    RispondiElimina
  10. Si da raccontare ne ho qualcuna ....mi sono permesso di fare una piccola ricerca su google col tuo nome ed è venuto fuori ,tra gli altri,rossovenexiano.
    Io scrittore? solo il fatto di aver creato un dubbio di questo tipo a te è un complimento ENORME,pensa che non andavo al di la del 4 nei temi a scuola.
    Non credo che quello che racconto possa interessare a qualcuno ,non da dedicare un numero su un blog di una professionista.
    Quando ho iniziato a scrivere qui non sapevo che fossi una scrittrice...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, consolati... Io in latino prendevo 3 e la mia prof di lettere non mi considerava un granché;-)
      Credo che ognuno di noi abbia una storia da raccontare, magari tu hai l'animo dello scrittore e non lo sai: prova a scrivere qualcosa e fammelo leggere;-)
      Potresti raccontarci qualche tua notte lavorativa...

      Elimina