Dipende da dove vuoi andare

Dipende da dove vuoi andare
nuovo romanzo ordinabile su Amazon

mercoledì 3 aprile 2013

Numero 38 - Sognincolor - 03 Aprile 2013

Prendo in prestito la parola inventata dalla nostra Cinzia, sognincolor, per fare un viaggio nei colori: a volte ci dimentichiamo di quanto colore ci sia intorno a noi. E allora, stappiamo i vasetti!!



E sporchiamoci le mani di tutti i colori! ;-)


E quando li abbiamo finiti, ricompriamoli:-)


Usiamo la nostra parte creativa!


I popoli più allegri (nonostante abbiano più magagne di noi) sono quelli che usano i vestiti più colorati;-)


E quanto belli sono quei paesi che fanno del colore la loro parola d'ordine?



Anche la Natura non scherza;-)




E voi come vivete? A colori o in bianco e nero?
Volete parlarci di un momento della vostra vita che sia stato a colori e uno che sia stato in bianco e nero? 

9 commenti:

  1. Per rispondere a queste domande, vi ricordo come si fa ad inserire il commento: sopra lo spazio dove dovreste scrivere il testo c'è una scritta che dice PUBBLICA COME e sulla stessa riga trovate una piccola freccia sulla quale dovete cliccare; uscirà un elenco e cliccate su NOME/URL, si aprirà una nuova finestra e dovete scrivere il vs nome o nick dove c'è scritto NOME; poi cliccate su CONTINUA, inserite il testo e cliccate su PUBBLICA. Più facile di così!!!

    RispondiElimina
  2. Cosetta Savelli3 aprile 2013 23:29

    Direi che, tutte le emozioni hanno un colore, che tutta la vita è colore, così come i nostri occhi sono predisposti per vedere a colori, nelle infinite sfumature che la natura intorno ci mostra e ci offre per farci continuamente regalo di tutta la bellezza del creato.

    Sono talmente 'innamorata del colore' che non so scinderlo neppure dalle giornate cupe; vedo, magari, più sfumato l'azzurro del cielo in una giornata meno lieta, ma se per caso sono triste e c'è nebbia, la vedo sempre molto bella e, per dirla con il poeta "Tu nascondi le cose lontane, o nebbia impalpabile e scialba"...Ma resto ugualmente affascinata da quel colore del cielo,grigio- perla, lattiginoso.

    Se avessi avuto il dono della pittura, non avrei mai saputo smettere di riprodurre con la mente del cuore e degli occhi, tutta la meraviglia che, con il dono della vita,abbiamo potuto godere, giorno dopo giorno, in tutti gli anni vissuti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello, Cosetta, quello che hai scritto! Mi piace!:-))
      Ma a proposito di doni, pittura o altro, hai mai pensato di iniziare a dipingere?

      Elimina
  3. Cosetta Savelli4 aprile 2013 19:37

    Proprio no, cara Stefi, mai pensato di dipingere. Ho sempre pensato di dipingere con i versi tutte le mie emozioni, ma mai con i pennelli o la matita, quello che vedevano i miei occhi o la mia mente...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora dovresti provare, cimentarti nell'arte della pittura: secondo me sei portata;-)Anzi, ti ci vedo proprio!;-)

      Elimina
  4. ciao Stefi,è un argomento molto interessante,ci racconteresti dei benefici di ogni colore?avevo sentito nominare la terapia dei colori o qualcosa del genere

    RispondiElimina
  5. Sai, Stefania, le immagini del tuo post con tutti quei colori esplosivi rappresentano la miglior cura per l'anima e, di conseguenza, per il corpo.

    I colori aiutano a vivere, a reagire, a creare: ho sempre vissuto a colori, li ho sempre amati moltissimo, cercando di assorbire con gli occhi la loro intensità e di catturare la loro energia per sprigionarla, poi, nella vita.

    Soprattutto nei momenti di crisi, sono stati un valido contributo per stordire la sofferenza e costringerla a concentrarsi sulla bellezza esistente in tonalità molto accese, affinchè entrassero dentro di me, tramutandosi in risorsa.

    Anche di notte ricerco il colore, nel buio più profondo, quando più ne ho bisogno od anche solo per contemplazione, premo le mani sugli occhi chiusi ed inizia il mio personale ed originale spettacolo...come guardare attraverso un caleidoscopio...mi si formano dentro la mente figure a moduli bellissimi, verdi e gialli che si trasformano in rossi e blu e molte altre coppie di colori, in base alla pressione delle mani, forme e colori in infinite varietà diverse.

    E' il mio momento magico, nel quale mi perdo dentro me stessa e non esiste più nessuna realtà: è la mia forma di meditazione personale, rilassamento completo.

    Ringrazio ai colori di esistere, di poterli guardare e di continuare a sperimentarli.

    Un saluto giallo ocra, profilato blu Parigi.

    cinzia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me, quando ti premi le mani sugli occhi chiusi, vedi i colori della tua energia, quella che circonda il tuo corpo: la parte eterea di te;-) Parte che m'immagino del colore di quelle bustine di zucchero che ti incantano quando ci portano i nostri cappuccini;-)
      Per restare in tema: un saluto Rosso India;-)

      Elimina