Dipende da dove vuoi andare

Dipende da dove vuoi andare
nuovo romanzo ordinabile su Amazon

giovedì 4 aprile 2013

Numero 39 - PoeTango - 04 aprile 2013


Muoviti lento

Muoviti lento
Tempo
sulla pedana scura.

Muoviti
come la rumba
di questi corpi
smaniosi 
di Te.

Ferma il tuo passo 
e lascia
correre il fremito.

Prendi una sedia
Tempo
 e ascolta il silenzio
dei movimenti.

Senti la voce
degli sguardi accesi?

Guarda il colore
della passione,
 Tempo.

Cono di luce.
Pausa.

E sia amore.
(Stefania Convalle)


Stai con me

Stai con me
in questo tango
argentino.

Sguardi fuggevoli
confondono i passi
del tuo petto
che mi conduce
e mi trasporta

nel sogno

dove mi baci
e con mani sapienti
conosci il mio corpo
nei luoghi segreti

e m'infuoco

dentro un orgasmo
che bagni 
con la tua lingua

fino a portarmi 
nella penombra,
nella quiete di una milonga

accesa solo per noi.
(Stefania Convalle)











24 commenti:

  1. Per rispondere a queste domande, vi ricordo come si fa ad inserire il commento: sopra lo spazio dove dovreste scrivere il testo c'è una scritta che dice PUBBLICA COME e sulla stessa riga trovate una piccola freccia sulla quale dovete cliccare; uscirà un elenco e cliccate su NOME/URL, si aprirà una nuova finestra e dovete scrivere il vs nome o nick dove c'è scritto NOME; poi cliccate su CONTINUA, inserite il testo e cliccate su PUBBLICA. Più facile di così!!!

    RispondiElimina
  2. Che bella sorpresa....sempre emozionante :-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ;-)

      Voglio ballare come Teresa di Tanguera;-)

      Elimina
  3. Uao!!! Stefania....come sei caliente!! A parte gli scherzi...complimenti, non potevi accompagnare il tango con dei versi più appropriati e quanto fuoco!
    Un caro saluto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giovanna! Ma per capire, sei Giovanna che balla il tango?;-)
      Grazie per i complimenti;-))

      Elimina
  4. Bellissimo questo tuo poetare sul tango Stefania!
    Dà l'idea del movimento, del tempo del tango... Ritmato come il battito del cuore e che rapisce con le sue note quasi erotiche.
    Complimenti cara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Lu;-) da oggi ti chiamo così, me gusta mucho;-)
      Sono contenta che il binomio poesia-video tanguero ti sia piaciuto;-)

      Elimina
  5. ................senza parole!that's incredible :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Senza parole? Ma è un bene o un male???:-D

      Elimina
  6. Armida Bottini4 aprile 2013 20:26

    Passione ed amore vero, bello e sensuale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehilà, Armida;-) ti sei gustata i video di tango??;-)

      Elimina
  7. preferisco senz'altro il secondo componimento, passionale.. complimenti Stefi!!!

    RispondiElimina
  8. Mi hai appena detto chi sei, Giusy;-) Benvenuta!:-)

    RispondiElimina
  9. Ciao Stefy,

    quanta passione in queste due poesie! C'è tutta l'anima della donna caliente...
    Se posso esprimere una preferenza, va alla prima. Si avverte il ritmo, le pause, la carnalità di questo straordinario ballo. E già che ci sono esprimo anche la mia preferenza sulle musiche che hai proposto: a parte la bravura dei ballerini, adoro Piazzolla e il Libertango... tutta la vita.

    Ciao tanguera

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Dany;-) prediligo il tango nuevo che è la versione moderna del tango;-) e le musiche di Piazzola sono bellissime, hai ragione, tra le mie preferite:-)

      Elimina
  10. Che bello!!! Emozionante!!! Complimenti per i versi !!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie,Laura!!! Muy felice che tu abbia trovato il tutto emozionante!:-) Grazie!:)

      Elimina
  11. Grandissima Stefania!!!!!!!!!!!!!!!!!

    - La tua prima poesia, "Muoviti lento", rappresenta in modo perfetto l'anima del tango, nel quale il tempo sembra passare al suo ritmo, sensuale, decelerato, fino quasi a fermarsi per qualche istante, qua e là, negli arnomici, silenziosi movimenti dei tangueri.

    Scandisci i versi come passi inanellati uno nell'altro, mantenendo il ritmo, fino alla chiusa liberatoria, manifestazione improvvisa di piacere incontenibile.

    Mi piace, è un bellissimo inno al Tempo che si trasforma con due passi di tango.


    - La seconda poesia, "Stai con me", rispecchia la coinvolgente sensualità di un tango che trasporta la mente oltre il momento presente, suggerendo un rapporto erotico nell'intima quiete di una milonga.

    Si avverte come vivi in modo fisico-mentale questo ballo, provi intensissime emozioni sensuali che si sovrappongono prima alla musica, poi alla vicinanza dei corpi, in seguito, trasferisci il tutto in parole stupende...sei completa!

    Romanticamente erotica con naturale eleganza.

    Un bacio, poetanguera appassionata.

    cinzia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Queste poesie descrivono il mio personale pensiero sul tango argentino, che non è un ballo "sociale" come dicono in tanti, ma un ballo intimo e sensuale;-) Sarà per questo che, per me, il tango argentino, si balla solo col proprio uomo o con la propria donna, proprio per poter vivere a 360° le emozioni che un ballo del genere crea tra due persone. Poetanguera me gusta mucho;-)

      Elimina
  12. Tu lo sai, Stefi che ho avuto sempre un debole per la tua poe "Muoviti lento". Cuori all'unisono che trovano magicamente il loro spazio grazie all'armonia della musica che appaga passione e tenerezza, movimento e sguardi !
    Difficile restare indifferenti e ancor di più, non osare un'esperienza tanto intima.

    Ed il nostro mondo si arrichisce !
    Emma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gem:-) La prima è una poesia "datata";-) scritta prima di cimentarmi davvero col tango argentino; per questo, credo, rimanga una poesia più universale sul ballo e infatti si parla di rumba, ballo altrettanto sensuale... E lì il Tempo diventa il centro, diventa "materia" tanto da potercisi rivolgere come se fosse una persona in carne ed ossa;-) La seconda nasce dopo aver conosciuto il tango e la poesia diventa un mix di sensazioni descritte sul modo di ballarlo, fino all'estraneamento che può nascere se ballato col proprio partner;-)

      Elimina
  13. Stefi "senza parole" significava che ero sorpresa con piacere!

    RispondiElimina